Seconda versione annunciata per i Google Glass

Il progetto “Google Glass” sta subendo una accelerazione con un paio di gustose novità.

La prima novità, più importante per persone come me, è che questa seconda versione sarà compatibile con gli occhiali da vista e da sole perché si potranno indossare sopra questi ultimi. Aspettavo con ansia questa notizia perché temevo di non poter indossare gli occhiali (magici?) per la realtà aumentata del colosso di Mountain View.

La seconda novità è che ogni singolo tester potrà far acquistare ad un massimo di tre persone, tramite invito, ad ognuna di loro un paio di “Google Glass” al prezzo di 1.500 dollari. Leggo la cosa come un modo per far aumentare la base di utenti sperimentatori, i cosiddetti “explorer”, un poco alla volta perché Google non ha ancora iniziato la produzione di serie e tende a far aumentare gradatamente la sua sua base di primi utilizzatori dei famosi occhialini.
Ovviamente il prezzo finale non sarà certo i 1500 dollari che Big G richiede per avere e provare in anteprima i “Google Glass”; spero vivamente che le previsioni vengano rispettate mettendo l’oggetto in una forbice tra i 299 e 499 dollari.

Il servizio marketing di Google ha anche annunciato che tutti coloro che hanno acquistato gli occhiali prima del 28 ottobre potranno richiederne la sostituzione con la nuova release a titolo completamente gratuito.

In questa evoluzione cambierà anche il metodo di trasmissione dei suoni: verrà soppiantato l’originario sistema a conduzione ossea, probabilmente non ritenuto all’altezza del dispositivo, a favore di classici mini altoparlanti auricolari.