Domino computing: le porte logiche con il domino

Tutti sanno che i computer funzionano elettronicamente basandosi su una logica binaria fatta da stati di acceso e spento e su un insieme di porte (logiche) che restituiscono a loro volta stati di acceso e spento a seconda della loro funzione.
Come è logico prevedere lo studio dei computer inizia proprio dall’apprendimento delle porte logiche da sapere tassativamente a memoria.
Matt Parker cerca un veicolo divertente per spiegare le porte logiche usando i tasselli di un domino e di fatto inventando il domino computing.
Nel primo video di oltre 18 minuti Matt ci fa conoscere le basi per simulare le porte logiche con i taselli del domino; non mancano i suggerimenti di usare mattonelle pesanti perchè cadono in maniera più lineare e di evitare quelle di plastica leggera perché non sono affidabili.

Ma il vero scopo del progetto del domino computing è la costruzione di una macchina di calcolo che permetta di sommare tra loro una coppia di numeri binari da 4 cifre. Tutto questo viene spiegato e presentato nel secondo video di oltre 22 minuti.
L’esperimento viene compiuto dal team di Matt che prevede, oltre allo stesso, Katie Steckles, Paul Taylor, Andrew Taylor e Siân Fryer nelle vesti di computer design, e di Ben Curtis, Becky Smedley, Mike Bell, Blair Lavelle, Andrew Pontzen, Jonathan Sanderson, Elin Roberts, Chris Roberts, Ben Ashforth, Gillian Kiernan, David Julyan come collaboratori alla costruzione del calcolatore.

Il video è stato girato nell’ottobre di due anni fa presso il Museum of Science and Industry di Manchester come parte della manifestazione Manchester Science Festival ma è stato pubblicato solo il 4 aprile su YouTube.
A questo indirizzo si può scaricare in formato PDF il materiale del progetto del team Think Maths di Numberphile che ha inventato il domino computing.
Numberphile ci regala anche una intervista bonus:

La prossima volta che vi troveranno con una scatola di domino tra le mani potete sempre dire che non vi serve per giocare ma per studiare 🙂


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.