Da Conary Enterprise iPin il puntatore laser per iPhone

Ormai lo smartphone ci siamo abituati a maneggiarlo ovunque e dovunque in molteplici situazioni della nostra vita, grazie alla sua indubbia tascabilità e portatilità. Con il tempo si sono sempre più evoluti ed adesso potremmo sicuramente dire che sono completi, grazie anche a tutta una serie di gadget che fungono da complemento.
I progettisti di Conary Enterprise hanno pensato di integrare persino un puntatore laser in miniatura da collegare alla presa jack delle cuffie di un iPhone.
Il gadget prende il nome di iPin (ooh che fantasia…) e consiste in un emettitore laser da 635 nm annegato in una spina simile a quella del jack delle cuffie.
E qui sta le vera fantasia e genialità che è stata espressa per pensare e realizzare il puntatore laser; infatti si autoalimenta dalla corrente che viene generata dalla presa auricolare del telefono, segno che i consumi sono veramente ridotti.
Per attivare iPin basta farlo ruotare di 90° una volta in posizione e lanciare la app mediante la quale si potranno gestire direttamente dal telefono le transizioni delle pagine della presentazione. Lo smartphone di uso quotidiano si trasforma in una sorta di joystick con puntatore laser incorporato ideale per le presentazioni in azienda (o per fare gli scherzi al gatto…).
Dopo le luci, nel vero senso della parola, elencate nella presentazione del dispositivo, veniamo alle ombre, sempre restando in tema di luce…
Capitolo prezzo: 56,00€ oppure 49,95$ se acquistati direttamente sul sito del produttore che lo propone in tre varianti tutte allo stesso prezzo.
Le prime due varianti, identificate con iPin-R11101 e iPin-R12101 sono compatibili con iPhone 3GS/4/4S/5/5C/5S, iPod touch 4/5, con iOS 5/6/7 e computer Mac OS X dalla versione 10.6 alla 10.9 ed inoltre Windows XP/Vista/Windows 7/Windows 8; da notare che tra una versione e l’altra vi è solo una differenza in altezza tra i dispositivi: per individuare al meglio i modelli della mela morsicata non dotati di custodia (la versione iPin-R11101 da 16.1 mm) da quelli dotati di custodia (la versione iPin-R12101 da 17.8 mm).
Esiste anche una terza variante, identificate con iPin-R23311, dedicata al mondo dei dispositivi Android; precisamente è compatibile con terminali Samsung Galaxy S3/S4/Note II/Note 3 e con computer Mac OS X dalla versione 10.6 alla 10.9 ed inoltre Windows XP/Vista/Windows 7/Windows 8.
Ma il vero buio si raggiunge in concomitanza della norma europea che limita il volume (EU Volume Limit Regulation) dei dispositivi auricolari che di fatto rende inusabile iPin. Si può provare ad aggirare l’ostacolo installando una delle tante applicazione che fungono da booster al livello della emissione acustica degli auricolari oppure invocando una versione specifica per il mercato europeo. Nel sito del produttore appare anche la anteprima di un dispositivo da attaccare direttamente alla presa Micro-USB che dovrebbe aggirare l’ostacolo sopra citato.

Che l’emissione di luce coerente sia con voi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *