BIM e ciclo di vita del progetto: Design, Construction, Operations

Il ciclo di vita di un progetto di costruzione abbraccia una serie di fasi interconnesse, ognuna con le sue sfide e opportunità.

Il Building Information Modeling (BIM) ha rivoluzionato la gestione di queste fasi, consentendo:

  • una progettazione più precisa,
  • una costruzione più efficiente,
  • una gestione a lungo termine migliorata.
  • una dismissione ecologicamente consapevole.

Questo articolo esplorerà come il BIM si insinua in ogni tappa del ciclo di vita, potenziando l’intera esperienza progettuale.

Le diverse fasi del ciclo di vita del progetto

Il Building Information Modeling (BIM) si dimostra un compagno insostituibile lungo l’intero ciclo di vita di un progetto, offrendo un approccio integrato che va ben oltre la fase di costruzione.

Esploriamo come il BIM sia adottato e sfruttato in ogni fase del ciclo di vita, portando miglioramenti significativi in ciascuna tappa:

  1. Progettazione:
    Nella fase di progettazione, il BIM crea un modello digitale dettagliato dell’infrastruttura da costruire. Questo modello tridimensionale va oltre la semplice rappresentazione visiva, contenendo informazioni precise sui materiali, le dimensioni e le caratteristiche strutturali. Gli architetti, gli ingegneri e gli altri professionisti collaborano su un modello unificato, consentendo la valutazione di diverse soluzioni e la rapida identificazione di possibili problemi. Ciò si traduce in un processo di progettazione più accurato e una riduzione dei costi derivanti da modifiche in corso d’opera.
  2. Costruzione:
    Durante la fase di costruzione, il BIM continua a essere uno strumento essenziale. I modelli BIM vengono utilizzati per pianificare e coordinare le attività in cantiere. La pianificazione virtuale permette di analizzare il sequenziamento delle attività, di evitare sovrapposizioni e collisioni e di ottimizzare l’allocazione delle risorse. Questo si traduce in una maggiore efficienza e precisione durante la costruzione, riducendo ritardi e costi e migliorando la sicurezza sul cantiere.
  3. Gestione:
    Dopo la fase di costruzione, il modello BIM non è abbandonato, ma diventa un’importante risorsa per la gestione delle infrastrutture. Il BIM contiene dati dettagliati sui componenti dell’edificio, compresi materiali, impianti e sistemi strutturali. Questi dati sono utilizzati per pianificare la manutenzione preventiva, programmare ispezioni e gestire le risorse in modo efficiente. I responsabili della gestione possono visualizzare in modo chiaro le informazioni necessarie per prendere decisioni informate, migliorando l’efficienza operativa e prolungando la vita utile delle strutture.
  4. Smantellamento:
    Anche alla fine del ciclo di vita, il BIM svolge un ruolo importante. Nel processo di smantellamento e dismissione, il BIM aiuta a valutare le opzioni di riciclaggio, smaltimento e riutilizzo dei materiali. I dati contenuti nel modello BIM consentono una dismissione più sostenibile, riducendo gli impatti ambientali e ottimizzando la gestione delle risorse.

Il BIM rappresenta un filo conduttore che attraversa tutte le fasi del ciclo di vita di un progetto.

La sua adozione porta a una progettazione più accurata, a una costruzione più efficiente, a una gestione oculata e a uno smantellamento sostenibile.

Questo approccio integrato non solo migliora le singole fasi, ma contribuisce a un ciclo di vita globale più efficiente, sostenibile e orientato al futuro.

Vantaggi del BIM nella gestione

Il Building Information Modeling (BIM) non si limita alla fase di costruzione, ma si estende ben oltre, offrendo vantaggi straordinari nella gestione a lungo termine delle infrastrutture.

La capacità del BIM di fornire informazioni dettagliate e aggiornate sui componenti strutturali consente una gestione più precisa e una manutenzione preventiva.

Ecco come il BIM trasforma la gestione delle strutture durante la loro vita utile:

  1. Manutenzione preventiva:
    I modelli BIM contengono una ricchezza di informazioni sui materiali, gli impianti e i sistemi strutturali. Questi dati sono fondamentali per pianificare e attuare la manutenzione preventiva. Le attività di manutenzione possono essere programmate in modo intelligente, evitando guasti improvvisi e riducendo i tempi di inattività. Ciò si traduce in un’efficienza operativa migliorata e in costi di manutenzione più contenuti nel lungo periodo.
  2. Identificazione tempestiva dei problemi:
    Il BIM fornisce una visione dettagliata dei componenti strutturali nel loro contesto. Questo facilita l’individuazione tempestiva di problemi o anomalie. Le informazioni dettagliate consentono di rilevare segni di usura, danni o malfunzionamenti in fase iniziale, consentendo interventi rapidi prima che i problemi si aggravino.
  3. Pianificazione efficiente delle risorse:
    Grazie ai dati contenuti nel modello BIM, è possibile pianificare le risorse in modo più efficiente. Le attività di manutenzione possono essere coordinate in base ai componenti specifici e alle loro esigenze. Ciò evita sprechi di tempo e risorse, ottimizzando l’utilizzo dei materiali e del personale.
  4. Decisioni informate:
    I responsabili della gestione possono prendere decisioni informate basate su dati concreti. Le informazioni nel modello BIM consentono di valutare la necessità di sostituire parti o di eseguire interventi di manutenzione. Queste decisioni sono basate su dati oggettivi anziché su supposizioni, migliorando l’efficienza delle operazioni.
  5. Prolungamento della vita utile:
    Una gestione adeguata e preventiva basata sul BIM contribuisce al prolungamento della vita utile delle strutture. La manutenzione tempestiva e accurata riduce l’usura e previene il deterioramento prematuro, garantendo che le infrastrutture rimangano funzionali e sicure nel lungo periodo.
  6. Documentazione dettagliata:
    Il BIM fornisce una documentazione dettagliata di tutte le attività di manutenzione eseguite nel tempo. Questo storico delle attività di manutenzione è prezioso per l’archiviazione e l’analisi dei dati nel corso degli anni, aiutando a pianificare in modo più accurato le future operazioni di manutenzione.

Il BIM rappresenta un elemento chiave per ottimizzare la gestione delle infrastrutture durante la loro vita utile.

Offre una panoramica dettagliata dei componenti, consente una manutenzione preventiva e informata, e contribuisce al prolungamento della durata delle strutture.

Grazie al BIM, la gestione diventa più efficiente, economica e orientata alla sostenibilità.

Ruolo del BIM nell’integrazione dei dati

Il Building Information Modeling (BIM) si distingue come un catalizzatore essenziale per l’integrazione e la gestione dei dati nelle fasi di manutenzione e gestione delle infrastrutture.

Il BIM agisce come un ponte digitale tra il processo di costruzione e la vita operativa delle strutture, fornendo un ambiente centralizzato per l’acquisizione, l’organizzazione e l’utilizzo dei dati in tempo reale.

Il BIM gioca un ruolo cruciale nell’integrazione dei dati per la manutenzione e la gestione delle strutture:

  1. Centralizzazione dei dati:
    Il BIM aggrega dati provenienti da varie fonti in un unico modello digitale. Questo modello diventa un hub centrale per informazioni sulle caratteristiche fisiche, i materiali, gli impianti e altri aspetti delle strutture. Questa centralizzazione semplifica l’accesso ai dati, eliminando la necessità di cercare informazioni sparse in diverse fonti.
  2. Integrazione dei dati in tempo reale:
    Il BIM permette l’integrazione dei dati in tempo reale, fornendo una visione accurata dello stato delle infrastrutture. I dati provenienti da sensori, dispositivi IoT e sistemi di monitoraggio possono essere direttamente incorporati nel modello BIM, consentendo il monitoraggio costante delle prestazioni e l’identificazione tempestiva dei problemi.
  3. Manutenzione preventiva e programmata:
    Utilizzando i dati contenuti nel modello BIM, è possibile pianificare la manutenzione preventiva in modo accurato. I tempi di intervento possono essere pianificati in base ai cicli di vita dei componenti strutturali, riducendo al minimo l’impatto sulla produzione e garantendo un funzionamento senza intoppi.
  4. Gestione delle scadenze e dei budget:
    Il BIM agevola la gestione delle scadenze e dei budget per le attività di manutenzione. I dati sulle scadenze dei contratti, i costi di manutenzione e le attività pianificate possono essere gestiti in modo efficace, prevenendo sovraccarichi finanziari e garantendo la continuità delle operazioni.
  5. Analisi e reporting avanzati:
    Il BIM consente analisi dettagliate basate su dati per valutare l’efficacia delle attività di manutenzione e gestione. Gli amministratori possono generare report accurati sulle prestazioni delle strutture, sull’efficienza operativa e sulle spese di manutenzione, guidando le decisioni future.
  6. Monitoraggio della performance energetica:
    I dati sul consumo energetico possono essere integrati nel modello BIM, consentendo il monitoraggio accurato delle prestazioni energetiche delle strutture. Questo aiuta a identificare opportunità per migliorare l’efficienza energetica e a implementare strategie per ridurre i costi operativi.
  7. Ciclo di vita sostenibile:
    L’integrazione dei dati nel BIM promuove la gestione sostenibile delle infrastrutture. I dati consentono di valutare l’impatto ambientale, pianificare azioni di eco-mantenimento e facilitare lo smantellamento ecologicamente consapevole alla fine della vita utile delle strutture.

Il BIM rivoluziona la gestione e la manutenzione delle strutture attraverso l’integrazione dei dati.

Questa tecnologia offre un approccio olistico per la gestione dei dati, dalla progettazione all’uso quotidiano e alla manutenzione, ottimizzando l’efficienza operativa e supportando una gestione più intelligente, sostenibile e informata delle infrastrutture.

Statistiche e dati di riferimento:

80%

Il report “McGraw-Hill BIM SmartMarket” del 2022 ha rilevato che l’80% degli utilizzatori BIM ha riferito miglioramenti nelle fasi di costruzione grazie al BIM.

I principali miglioramenti riportati includono:

  • Riduzione degli errori:
    Il BIM può aiutare a ridurre gli errori durante la costruzione, consentendo ai progettisti e ai costruttori di condividere un modello digitale comune. Ciò può ridurre la necessità di modifiche e riparazioni in corso d’opera, che possono essere costose e ritardare la consegna del progetto.
  • Miglioramento della comunicazione:
    Il BIM può aiutare a migliorare la comunicazione tra i vari attori del processo di costruzione, come progettisti, costruttori, fornitori e clienti. Ciò può contribuire a ridurre i conflitti e a migliorare l’efficienza del processo di costruzione.
  • Miglioramento della sicurezza:
    Il BIM può aiutare a migliorare la sicurezza sul lavoro, consentendo ai progettisti e ai costruttori di identificare e mitigare i rischi di sicurezza prima dell’inizio della costruzione.

Il report ha anche rilevato che l’utilizzo del BIM è in aumento nel settore delle costruzioni.

Nel 2022, il 53% dei progettisti utilizzava il BIM per almeno il 50% dei propri progetti. Questa cifra è in aumento rispetto al 45% del 2021.

47%

Il report “PlanGrid Construction Productivity Report” del 2023 ha rilevato che il 47% dei professionisti del settore edile afferma che il BIM migliora la collaborazione e la comunicazione durante la costruzione.

Questo è in linea con i risultati di altri studi, che hanno rilevato che il BIM può aiutare a migliorare la comunicazione tra i vari attori del processo di costruzione, come progettisti, costruttori, fornitori e clienti.

Il BIM può migliorare la collaborazione e la comunicazione in diversi modi:

  • Consentendo ai professionisti di condividere un modello digitale comune, il BIM fornisce un punto di riferimento comune per tutti gli interessati al progetto. Ciò può aiutare a ridurre le incomprensioni e a garantire che tutti siano sulla stessa pagina.
  • Fornendo strumenti per la collaborazione in tempo reale, il BIM consente ai professionisti di lavorare insieme in modo più efficiente. Ciò può aiutare a ridurre i ritardi e migliorare la qualità del lavoro.
  • Generando report e analisi, il BIM può aiutare i professionisti a prendere decisioni più informate. Ciò può aiutare a migliorare la collaborazione e la comunicazione, in quanto tutti gli interessati al progetto sono sulla stessa pagina in termini di obiettivi e aspettative.

I risultati della ricerca “PlanGrid Construction Productivity Report” indicano che il BIM è una tecnologia promettente che può aiutare a migliorare la collaborazione e la comunicazione nel settore delle costruzioni.

In conclusione, il BIM non è solo una tecnologia per la progettazione e la costruzione, ma un compagno affidabile lungo tutto il ciclo di vita di un progetto.

Questo approccio integrato non solo ottimizza le fasi iniziali, ma promuove anche una gestione intelligente, una manutenzione efficace e un’uscita sostenibile per le infrastrutture costruite.